preventivo

Clicca qui per avere più informazioni e chiedere un preventivo

Servizi

Finanziamenti GAL 2012

Riservati ai Comuni, Enti Pubblici e Organizzazioni appartenenti al territorio rurale

images

Sono stati pubblicati i bandi Fase II delle Misure 313 Aa, 321a, 321b, 321c, 322, 323b del PSR 2007-2013 Asse IV del Metodo Leader. Tali bandi rientrano nel Programma di Iniziativa Comunitaria Leader e hanno lo scopo di promuovere lo sviluppo integrato, endogeno e sostenibile delle aree rurali, potenziando la capacità progettuale e la gestione delle risorse locali.


 

Ecco, in breve, il contenuto dei bandi:

 

1) Bando misura 313Aa: “INCENTIVAZIONE DI ATTIVITA' TURISTICA”
Sottomisura A: “Creazione di infrastrutture su piccola scala e commercializzazione sei servizi turistici e agrituristici”,
Azione a) : “ Creazione di infrastrutture su piccola scala”

GAL START

GAL LUNIGIANA

 

Soggetti ammessi:

Province, Comuni,Unione di Comuni, Enti Parco.

 

Obiettivi:

Creare e implementare l’offerta turistica nelle zone rurali anche attraverso il sostegno alla realizzazione di infrastrutture a favore del settore turistico, con particolare riferimento a quelle direttamente collegate alla produzione primaria agricola e forestale, e agrituristico.

 

Tipologie di investimenti previste:

- realizzazione di punti di informazione turistica/agrituristica;

- infrastrutture ricreative finalizzate all’individuazione, realizzazione, ripristino e adeguamento di itinerari tematici (es:cultura, storia, natura, enogastronomia, ecc.), percorsi attrezzati (es: escursionismo, ippoturismo, birdwatching, trekking, mountain bike, orienteering, sci di fondo, canoa, roccia, ecc.);

- interventi di promozione del territorio rurale con servizi telematici multimediali innovativi;

- realizzazione di circuiti di cicloturismo e di itinerari turistici con valenza storico/culturale/enogastronomica di interesse regionale.

 

Dotazione bando:

GAL LUNIGIANA: euro 357.189,90, con importo minimo di euro 20.000;

GAL START: euro 268.842,00, con importo massimo di 100.000


 

 

2) Bando Misura 321a Fase II: “SERVIZI ESSENZIALI PER L’ECONOMIA E POPOLAZIONE RURALE”
Sottomisura a) “Rete di protezione sociale nelle zone rurali”

GAL START

GAL LUNIGIANA

Soggetti ammessi:

Province, Comuni, Unioni di Comuni, Comunità Montane, Aziende del Servizio Sanitario Regionale, Aziende per i Servizi alla Persona, Società della Salute.

 

Obiettivi:

Consente di sostenere la realizzazione,l’avvio e il consolidamento di strutture per i servizi sociali in zone rurali a favore di anziani, persone a bassa contrattualità, giovani, famiglie, minori.

 

Tipologie di investimento previste:

a) ristrutturazione, ampliamento e riqualificazione di beni immobili da destinarsi a sedi per servizi sociali alla persona previsti nel Piano Integrato della Salute, compresa la messa a norma di impianti e servizi;

b) realizzazione di nuovi immobili da adibire a sede dei servizi;

c) avvio della gestione e consolidamento di nuovi servizi sociali alla persona innovativi e coerenti con i bisogni delle aree rurali.

 

Dotazione bando:

GAL LUNIGIANA: euro 104.000, importo minimo di 30.000;

GAL START: euro 100.000;


 

 

3) Bando Misura 321b Fase II: “SERVIZI ESSENZIALI PER L’ECONOMIA E LA POPOLAZIONE RURALE”
Sottomisura b) “Servizi commerciali in aree rurali”

SOLO START

 

Soggetti ammissibili:

Province, Comuni, Unioni di Comuni e Comunità Montane.

 

Obiettivi:

Dotare i centri abitati degli ambiti rurali di servizi che permettano alla popolazione locale di poter usufruire di un insieme organizzato di esercizi commerciali, esercizi di somministrazione, strutture ricettive, attività artigianali e di servizio, aree mercatali, integrati da aree di sosta e di accoglienza e da sistemi di accessibilità comuni.

 

Tipologie di investimento previste:

a) realizzazione e/o adeguamento di aree mercatali;

b) realizzazione di interventi infrastrutturali per la qualificazione dell’esercizio del commercio ambulante itinerante;

c) realizzazione e/o adeguamento di infrastrutture ed interventi di qualificazione e arredo urbano finalizzati allo sviluppo qualificato dei Centri commerciali naturali e degli Empori polifunzionali;

 

Contributo:

200.000E a fondo perduto pari al 100% del costo totale ammissibile.

L’importo massimo di contributo concedibile per domanda è di € 100.000,00 per i seguenti comuni:

Barberino Val d'Elsa (all’interno del territorio GAL), Greve in Chianti, San Casciano in Val di Pesa (all’internodel territorio GAL), Tavarnelle Val di Pesa (all’interno del territorio GAL), Montespertoli.


 

 

4) Bando Misura 321c Fase II: “SERVIZI ESSENZIALI PER L’ECONOMIA E LA POPOLAZIONE RURALE”
Sottomisura c) “Strutture di approvvigionamento energetico con impiego di biomasse agro-forestali”

SOLO GAL START

Soggetti ammessi:

Province, Comuni, Unioni di Comuni e Comunità Montane.

 

Obiettivi:

Evitare lo spopolamento delle zone rurali cercando di migliorare la qualità della vita di coloro che vivono in queste aree e di offrire alle imprese quella rete di servizi di supporto indispensabili al buon funzionamento di tutto il microsistema economico; in sostanza la misura tende a creare tutta una serie di condizioni socio-economiche necessarie per la crescita o almeno il mantenimento degli attuali livelli di occupazione nelle zone rurali.

 

Tipologie di investimento previste:

Realizzazione di impianti di:

• produzione di energia termica, anche mediante teleriscaldamento;

• produzione di energia frigorifera;

• cogenerazione (produzione di energia termica ed energia elettrica).

 

Dotazione bando:

Euro 100.000, in forma di contributo massimo a fondo perduto pari al 70% del costo totale ammissibile.


 

 

5) Bando 322, “SVILUPPO E RINNOVAMENTO VILLAGGI”;

SOLO GAL LUNIGIANA

 

Soggetti ammissibili:

Comuni, Unioni /Associazioni di Comuni.

 

Obiettivi:

Rivitalizzare i piccoli centri abitati delle zone rurali, supportando le iniziative imprenditoriali in particolari settori quale quello turistico, del commercio e dell’artigianato.

 

Tipologie di investimento previste:

La misura prevede il sostegno ad interventi pubblici per la riqualificazione di piccoli centri caratterizzati dalla diffusa presenza di degrado e distanti dalle sedi dei principali servizi pubblici (sanitari, scolastici e amministrativi). Tali interventi, dovranno essere strutturati per favorire le condizioni per la permanenza e la vitalità dei centri: creazione, recupero e riqualificazione di spazi pubblici e di aggregazione, creazione e miglioramento delle infrastrutture di servizio alla popolazione, recupero del patrimonio edilizio per servizi e attrezzature collettive.

La riqualificazione e rinnovamento dei piccoli centri abitati, purché gli investimenti siano localizzati all’interno delle località abitate definite dall’ISTAT con popolazione residente non superiore a 3000 abitanti.

 

Dotazione del bando:

Euro 180.000E, con richiesta minima di euro 20.000.


 

 

6) Bando 323/sottomisura B Fase II : “RIQUALIFICAZIONE DEL TERRITORIO RURALE”,
Sottomisura b: “Riqualificazione e valorizzazione del patrimonio culturale”;

GAL START

GAL LUNIGIANA

Soggetti ammessi:

Province, Comuni, Unioni di Comuni.

 

Obiettivi:

Valorizzazione e riqualificazione del patrimonio rurale attraverso il recupero di immobili e strutture rilevanti dal punto di vista storico.

 

Tipologie di investimento previste:

Costituiscono oggetto di intervento gli investimenti riguardanti beni culturali e paesaggistici (con riferimento alle definizioni di cui all’art. 10, comma 1 e 2, all’art. 11 ed all’art. 134 del D.Lgs 42/2004 “Codice dei beni culturali e del paesaggio”), beni architettonici, parchi archeologici, altre cose immobili pubbliche e di uso pubblico finalizzate ad una fruizione culturale quali: musei, teatri, istituzioni documentarie, spazi e centri espositivi per lo spettacolo.

 

Dotazione del bando:

 

GAL START: Euro 200.000, a fondo perduto pari al 100% del costo ammissibile.

GAL LUNIGIANA: Euro 135.565,21, a fondo perduto pari al 100% del costo ammissibile.

 

 

 

commercio1

Premessa

Di seguito sono riportate le principali modifiche al Codice del commercio (l.r. 28/2005) e alla legge sul Governo del territorio (l.r. 1/2005) che recepiscono sostanzialmente quanto introdotto dal decreto Salva Italia in tema di liberalizzazioni   nell’ambito della pianificazione commerciale.

 

PRINCIPALI MODIFICHE ALLE NORME PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO – L.R. 3 gennaio 2005 n. 1

Sarà il Piano di Indirizzo Territoriale a tracciare le prescrizioni e gli indirizzi per la localizzazione delle GSV

Al fine di introdurre nell’ordinamento regionale un sistema di pianificazione per l’insediamento di grandi strutture di vendita finalizzato alla tutela dell’ambiente, ivi compreso l’ambiente urbano, del paesaggio e dei beni culturali, della salute e dei lavoratori, è stato disposto che il piano d’indirizzo territoriale (PIT) detti le prescrizione e gli indirizzi per l’insediamento di medie e grandi strutture di vendita, e che le previsioni comunali di grandi strutture di vendita siano assoggettate a una verifica di sostenibilità avente lo scopo di verificare a livello di ambiti sovracomunali il rispetto delle suddette prescrizioni. La valutazione a livello sovracomunale è necessaria in ragione degli effetti che possono avere le grandi strutture.


Nell’attesa che iComuni si adeguino al PIT cosa succederà alle destinazioni commerciali già previste negli strumenti urbanistici?

In ragione del fatto che il PIT e, successivamente, gli strumenti di pianificazione dei comuni e delle province devono essere adeguati al nuovo quadro normativo, è stata prevista una disciplina transitoria per le destinazioni in essere alla data di entrata in vigore della presente legge. Tale disciplina prevede sostanzialmente una verifica di sostenibilità territoriale di livello sovracomunale, che si rende necessaria in quanto tali previsioni sono state adottate nell’ambito di un sistema che regolava lo sviluppo di grandi strutture mediante un contingentamento quantitativo e quindi le stesse potrebbero essere state previste non tenendo conto di elementi necessari per la compatibilità con il nuovo sistema.


Tutto si svolgerà all’interno della Conferenza di Pianificazione

La disciplina per l’inserimento di nuove destinazioni d’uso per grandi strutture durante il periodo di adeguamento degli strumenti di pianificazione al nuovo quadro normativo è necessaria per garantire, durante tale periodo, che la possibilità di nuove aree destinate all’insediamento di grandi strutture venga effettuata nel rispetto di criteri di sostenibilità territoriale, valutati con una verifica in sede di conferenza a livello sovra comunale. A tali fini è prevista una conferenza di pianificazione, nuovo istituto concertativo.


Conferenza di Pianificazione: natura, soggetti coinvolti e compiti

La conferenza di Pianificazione è composta dai tecnici dei comuni appartenenti all’ambito sovracomunale, della Regione e della provincia nonché dei comuni confinanti ricadenti in altro ambito sovracomunale. La conferenza è inoltre chiamata a valutare la sostenibilità degli interventi e la sussistenza delle condizioni per applicare la perequazione intercomunale.


Criteri per la verifica di sostenibilità territoriale

La verifica di sostenibilità territoriale a livello sovracomunale delle previsioni di destinazioni d’uso per grandi strutture di vendita è effettuata sulla base dei seguenti criteri:

  1. la capacità di assorbimento, da parte dell’infrastrutturazione stradale e ferroviaria presente nel territorio del comune e in quello dell’ambito di interesse sovracomunale, del carico di utenze potenziali connesso al nuovo esercizio;
  2. il livello di emissioni inquinanti, comprensivo dell’incremento dovuto alla movimentazione veicolare indotta dalla nuova struttura di vendita;
  3. la sostenibilità rispetto alla tutela del valore paesaggistico dei siti UNESCO, delle reti di fruizione storica del territorio e dei beni paesaggistici di cui all’articolo 134 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137);
  4. l’incidenza degli effetti sulla permanenza degli esercizi commerciali di prossimità, al fine di garantire i servizi essenziali nelle aree più scarsamente popolate;
  5. l’incidenza degli effetti sui caratteri specifici e sulle attività proprie dei centri storici compresi nell’ambito, e le necessarie garanzie di permanenza delle attività commerciali d’interesse storico, di tradizione e di tipicità.

Concetto di perequazione territoriale

Viene introdotto il nuovo istituto della perequazione territoriale a cui si potrà ricorrere nel caso di previsioni di grandi strutture di vendita. La perequazione è prevista in considerazione degli oneri, sia territoriali che ambientali, che deriveranno dalla realizzazione della grande struttura ed a tal fine sono previste adeguate perequazioni per i comuni ricadenti nell’area limitrofa. I comuni e la provincia interessati, attraverso la sottoscrizione di un accordo, istituiscono un apposito fondo nel quale far confluire risorse proprie e parte degli oneri derivanti dall’attività edilizia. Gli enti coinvolti decidono le modalità di costituzione e di gestione del fondo.


Allegati

l.r n. 52 -2012 - Modifiche al codice del commercio e alla legge sul governo del territorio
l.r. n. 28 - 2005 - Codice del Commercio - testo coordinato
l.r. n. 1 - 2005 - Legge governo del territorio - testo coordinato

 

 

 

 

 

 

 

PisteCiclabili

Lo spirito della legge

L’aspetto fondamentale della Legge è il riconoscimento della mobilità ciclistica quale terza componente essenziale della mobilità urbana, assieme alla mobilità motorizzata privata e a quella pubblica collettiva, e da questo riconoscimento l’individuazione di una serie di azioni e provvedimenti, compresi i relativi finanziamenti, per attuare gli obiettivi di sviluppo della mobilità in bicicletta.
I comuni, anche in forma associata, redigono i piani comunali per la mobilità ciclistica, in coerenza con il piano regionale e il piano provinciale, ove vigente. I piani comunali individuano e definiscono gli indirizzi, i criteri, i parametri e gli interventi necessari a livello comunale per la creazione di una rete di infrastrutture e di servizi per la mobilità ciclistica organica e funzionale.
I piani provinciali e i piani comunali individuano la rete ciclabile e ciclopedonale quale elemento integrante della rete di livello regionale e provinciale, prevedendo la connessione dei grandi attrattori di traffico, in particolare i centri scolastici e universitari, gli uffici pubblici, i centri commerciali, le aree industriali, il sistema della mobilità pubblica con particolare riferimento ai poli di interscambio modale e ai poli sanitari ed ospedalieri, alle aree verdi ricreative e sportive e, in generale, agli elementi di interesse sociale, storico, culturale e turistico di fruizione pubblica.


Disposizioni particolari per i comuni sedi di stazioni ferroviarie

I comuni sedi di stazioni ferroviarie o di poli di interscambio modale, provvedono, all’interno o in prossimità delle suddette infrastrutture, alla realizzazione di ciclostazioni, ovvero di adeguati impianti per il deposito custodito di biciclette, con eventuale annesso servizio di noleggio e manutenzione.
Per la realizzazione delle ciclostazioni, i comuni possono stipulare convenzioni con le aziende che gestiscono le stazioni ferroviarie, metropolitane o di autolinee.


Finalità degli interventi per la mobilità ciclistica

Gli interventi per la mobilità ciclistica, in conformità alla legge 19 ottobre 1998, n. 366, nel rispetto delle caratteristiche tecniche fissate dal decreto del Ministro dei lavori pubblici 30 novembre 1999, n. 557, sono finalizzati alla progettazione, realizzazione e promozione di:

a) reti urbane o extraurbane di itinerari e piste ciclabili e ciclopedonali;
b) itinerari ciclabili turistici e infrastrutture connesse;
c) poli di interscambio modale;
d) strutture e centri di servizio alla mobilità ciclistica, sia in ambito urbano che extraurbano.


Gli interventi a livello comunale comprendono:

a) realizzazione di sottopassi e sovrappassi ciclabili e ciclopedonali;
b) dotazioni infrastrutturali utili alla sicurezza del traffico ciclistico e motorizzato;
c) costruzione e dotazione di parcheggi attrezzati, liberi o custoditi, e di centri di noleggio riservati alle biciclette, prioritariamente in corrispondenza dei centri intermodali di trasporto pubblico, d’intesa con le società di gestione e presso strutture pubbliche;
d) messa in opera di segnaletica, verticale e orizzontale, specializzata per il traffico ciclistico, nonché di segnaletica integrativa dedicata agli itinerari ciclabili;
e) predisposizione di strutture mobili e di infrastrutture atte a realizzare l’intermodalità fra biciclette e mezzi di trasporto pubblico;
f) intese con i soggetti esercenti i servizi ferroviari e i gestori delle infrastrutture ferroviarie al fine di promuovere l’intermodalità tra la bicicletta e il treno, in particolare per la realizzazione di parcheggi per biciclette nelle aree di pertinenza delle stazioni ferroviarie e la promozione del trasporto della bicicletta al seguito;
g) intese con le aziende di trasporto pubblico per l’integrazione con l’uso della bicicletta, nonché per la predisposizione di strutture per il trasporto delle biciclette sui mezzi pubblici;
h) realizzazione di servizi di biciclette a noleggio;
i) realizzazione di conferenze, attività culturali ed iniziative
educative atte a favorire la cultura della bicicletta come mezzo di trasporto;
j) attivazione presso gli enti preposti al turismo di servizi di informazione per cicloturisti;
k) redazione, pubblicazione e divulgazione di cartografia
specializzata, anche di tipo elettronico;
l) ogni ulteriore intervento finalizzato allo sviluppo ed alla sicurezza del traffico ciclistico, anche attraverso la creazione di punti di manutenzione della bicicletta, ed in particolare iniziative formative ed informative sull’utilizzo di protezioni del ciclista quali abbigliamento e casco.


Oltre alla “nuova” normativa regionale, gli Enti locali, in base al art. 3 del DM 557/99, hanno i seguenti obblighi in tema di ciclabilità:

La “nuova” normativa regionale si innesta sul DM 557/99, che prevede che gli enti locali si debbano dotare dei seguenti strumenti di pianificazione e di progettazione:

a) un piano della rete degli itinerari ciclabili, nel quale siano previsti gli interventi da realizzare, comprensivo dei dati sui flussi ciclistici, delle lunghezze dei tracciati, della stima economica di spesa e di una motivata scala di priorità e di tempi di realizzazione. Il livello di indagini preliminari e di dettaglio degli elaborati di piano deve essere adeguato alla estensione dimensionale della rete ciclabile ed alla complessità del modello di organizzazione della circolazione delle altre componenti di traffico.
Per i comuni che sono tenuti alla predisposizione del Piano urbano del traffico (PUT), ai sensi dell'articolo 36 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, il piano della rete ciclabile deve essere inserito in maniera organica, quale piano di settore, all'interno del PUT, secondo le indicazioni delle direttive ministeriali pubblicate nel supplemento ordinario n. 77 alla Gazzetta Ufficiale del 24 giugno 1995.
Per i comuni non tenuti alla predisposizione del PUT occorre comunque procedere ad una verifica di compatibilità, soprattutto ai fini della sicurezza, con le altre modalità di trasporto;

b) i progetti degli itinerari ciclabili, previsti dal piano di cui al punto a), che prevedano anche, ove necessario, la riqualificazione dello spazio stradale circostante; in particolare, i progetti devono considerare e prevedere adeguate soluzioni per favorire la sicurezza della mobilità ciclistica nei punti di maggior conflitto con i pedoni e i veicoli a motore (intersezioni, accessi a nodi attrattivi, ecc.).


Finanziamenti

La L.R. 6 giugno 2012, n. 27 all’art. 11 prevede per l’anno 2014 il concorso al finanziamento degli interventi di investimento per una spesa massima di euro 2.000.000. E’ quindi opportuno che gli enti fin da subito provvedano a predisporre la pianificazione per la mobilità in bicicletta, in modo da trovarsi “preparati” per la scadenza dei bandi regionali.

ciclopista2

Obiettivi

Obiettivo prioritario è l’elaborazione del Piano della mobilità ciclistica contenente il quadro della situazione attuale e le indicazioni di previsione delle infrastrutture e dei servizi, nonché la redazione di criteri e regole per gli strumenti urbanistici comunali, ai fini dello sviluppo della mobilità ciclistica nel comune.

Azioni

Si prevede uno studio finalizzato a descrivere la condizione attuale della rete ciclabile comunale e a definire il quadro delle potenzialità della mobilità ciclistica nel territorio del comune, con riferimento ai seguenti aspetti:

  1. reti urbane o extraurbane di itinerari e piste ciclabili e ciclopedonali;
  2. itinerari ciclabili turistici e infrastrutture connesse;
  3. poli di interscambio modale;
  4. strutture e centri di servizio alla mobilità ciclistica.

Saranno, inoltre, presentate indicazioni per le previsioni di interventi e azioni per la mobilità ciclistica e per il trasferimento di buone pratiche in ambito comunale, riferite agli aspetti sopraindicati.

Prestazioni

Il nostro modello di lavoro prevede sia lo svolgimento di fasi di lavoro desk; sia ricognizioni sul campo per la valutazione delle condizioni esistenti della rete ciclabile e la definizione di indicazioni per lo sviluppo della rete ciclabile, degli itinerari cicloturistici e delle altre infrastrutture e servizi dedicati alla mobilità ciclistica.

Sono pertanto previste le seguenti prestazioni:

  • acquisizione e analisi della documentazione esistente su reti, infrastrutture e servizi per la mobilità ciclistica e valutazioni dei caratteri delle reti, dei percorsi, delle strutture e dei servizi con riferimento ai vari segmenti di domanda di mobilità e alle diverse aree comunali;
  • studio delle condizioni della mobilità ciclabile, che comprende l’analisi dei percorsi esistenti o potenziali e delle dotazioni infrastrutturali, con particolare attenzione all’organizzazione di una rete e alla valutazione delle situazioni critiche;
  • creazione della banca dati digitale georeferenziata, secondo le caratteristiche richieste da Regione e Ministero per le basi dati geotopologiche, che sarà attuata con una mirata ricognizione che prevede le seguenti fasi:
  1. ricognizione, con individuazione e descrizione delle aree di circolazione ciclabile, della rete ciclabile, articolata per elementi e giunzioni ciclabili rilevando i parametri previsti dalla struttura dati richiesta dal DPCM 10 novembre 2011;
  2. fotografie dei punti critici;
  3. elaborazione del rilievo, con riporto e georeferenziazione dei tracciati e verifica della rete rilevata;
  4. creazione della banca dati del grafo della rete ciclabile secondo la struttura dati richiesta dal DPCM 10 novembre 2011;
  • studio delle esperienze e delle buone pratiche adottate in contesti simili e che possono essere di esempio per l’applicazione nei comuni della provincia;
  • elaborazione del Piano comunale della mobilità ciclistica che definisca le potenzialità di sviluppo della ciclabilità, anche ai fini turistici, le previsioni urbanistiche per le strutture della mobilità ciclistica e delle infrastrutture e servizi per l’intermodalità tra bicicletta e altri mezzi;
  • redazione della cartografia con la rete ciclabile attuale e di previsione.

La fornitura del servizio comprende anche la partecipazione a incontri e presentazioni per la diffusione e la discussione del lavoro.

Progettazione della rete e ricerca di finanziamenti

Simurg Ricerche offre anche la propria esperienza per la progettazione (preliminare, definitiva ed esecutiva) della rete ciclabile e dei servizi connessi. Inoltre sarà possibile attivare un servizio di monitoraggio e ricerca finanziamenti per concorrere ai vari bandi di finanziamento che saranno pubblicati da Regione Toscana o da altri soggetti finanziatori.

 

 

Finanziamenti per il turismo e il commercio: scadenza 30 aprile 2013

inflazione

Un'opportunità da non perdere

La Regione Toscana, con decreto dirigenziale n. 6467 del 28.12.2012, ha approvato l' avviso di manifestazione di interesse per la quarta raccolta di progetti per l’accesso ai finanziamenti con procedura negoziale di interventi relativi a infrastrutture per il turismo e il commercio - annualità 2012-2013.

La presentazione dei progetti da parte dei soggetti pubblici è aperta fino al 30 aprile 2013 (data ultima per la tramissione della documentazione sulla piattaforma web di sviluppo Toscana: www.sviluppo.toscana.it).

 


Servizio di assistenza e supporto

Grazie alla nostra esperienza nell’ambito della pianificazione commerciale e urbanistica e della redazione dei Piani Integrati di Riqualificazione, abbiamo predisposto un servizio di assistenza rivolto alle Amministrazioni Comunali che volessero partecipare al Bando.

Si tratta di servizio di assistenza completo, che, dopo una preliminare verifica delle condizioni di fattibilità, va dalla redazione del progetto alla presentazione della domanda.

Il servizio è quindi modulare e comprende:

a) valutazione preliminare di fattibilità (GRATUITA);

b) assistenza completa su tutte le attività previste dal Bando;

c) assistenza mirata su fasi specifiche dell’istruttoria.

 


Scheda sintetica sul bando:

 

Soggetti beneficiari e localizzazione degli interventi
- Enti pubblici: Province, Comuni e Unioni di Comuni, anche riuniti in consorzi; altri enti di
diritto pubblico. Gli interventi oggetto della domanda devono essere localizzati nel territorio
regionale toscano.
Soggetti beneficiari:

Enti pubblici: Province, Comuni e Unioni di Comuni localizzati nel territorio regionale toscano.


Tipologie di intervento ammissibili:

1. Riqualificazione di centri abitati funzionale all’insediamento e al rinnovo dell’offerta commerciale nei centri storici e a migliorare la qualità della vita e la fruibilità degli spazi e servizi a destinazione collettiva;

2.  Infrastrutture che permettano una maggiore fruizione turistica in armonia con lo sviluppo sostenibile del territorio;

3. Valorizzazione e sviluppo delle strutture destinate a ospitare esposizione fieristiche e congressuali di livello nazionale.

Principali tipologie di spesa ammessa (sintesi):
  1. opere di recupero, ristrutturazione ed edilizi su immobili o di nuova realizzazione, escluse le spese di manutenzione degli stessi;
  2. acquisto di terreni e di immobili o loro parti, alle condizioni successivamente precisate;
  3. arredi urbani che favoriscano l'attrattività turistica, fieristica e commerciale;
  4. realizzazione di interventi per la messa a norma di immobili connessi allo svolgimento di attività e funzioni turistiche, commerciali e fieristiche;
  5. realizzazione di impiantistica multimediale per l'utilizzo di tecnologie innovative in funzione dello svolgimento dell'attività turistica, fieristica, commerciale;
  6. acquisto delle attrezzature, degli arredi e/o dei beni strumentali funzionali agli interventi;
  7. progettazione e realizzazione di pannelli informativi e di segnaletica coordinata;
  8. realizzazione di banchi architettonicamente compatibili nelle aree mercatali.

 

Entità delle agevolazioni: progetti di investimento con un costo ammissibile massimo di euro 900.000 e non inferiore ad euro 250.000.


Periodo di validità delle spese: Le spese ammissibili sono quelle effettivamente pagate a decorrere dal 1/1/2007 e relative a progetti i cui lavori non siano stati ultimati prima del 1/1/2007 (art. 56 comma 1 del Reg. (CE) n. 1083/2006). Tutte le operazioni devono essere concluse entro il 31/12/2015 e pagate e rendicontate entro il 30/06/2016.

 

Richiedi la valutazione preliminare di fattibilità e, se lo desideri, un preventivo personalizzato.

 


Per informazioni:

  • Telefono 0586/210460
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Cellulare: 339/4314134 (Daniele Mirani)

Allegati:

Scheda di sintesi del Bando (Simurg)
Decreto dirigenziale n. 6467 del 28.12.2012
Bando integrale (Allegato A del DD 6467/2012)